bd_immagini_bg_website_mac_pro

macOS Catalina e le novità del Finder

macOS Catalina: le novità del Finder.
Con questo articolo andremo a scoprire assieme che cosa c’è di nuovo nel Finder di macOS Catalina, che dovrebbe arrivare a ottobre sui nostri Mac (gratis, naturalmente).

Questo articolo fa parte di una serie che puoi leggere anche partendo da questo articolo. Vale a dire:

Adesso, passiamo però all’argomento del nostro articolo: le novità del Finder di Catalina.

Che cos’è il Finder?

Non sai che cos’è il Finder? È l’applicazione che usi di più in assoluto. È impersonata dall’icona del Mac che sorride nel Dock, e si avvia quando accendi il tuo Mac e si spegne quando… lo spegni, esatto.

È a questa applicazione che gli ingegneri Apple delegano il compito più difficile che ci sia: rendere semplice ciò che è complicato.

valutazione-mac

Sino a qualche anno fa (parecchi anni fa in realtà), individuare un file, aprirlo, richiedeva il ricorso alla riga di comando e questo significava in pratica digitare dei comandi. Se il computer è diventato democratico e così popolare lo si deve anche all’invenzione di questa applicazione. Infatti per trovare il tuo file usi il mouse e il Finder, anche se non ci fai nemmeno caso. E la tecnologia invisibile, quella che non si mostra, ma mostra quello di cui abbiamo bisogno, è di certo la migliore.

È il Finder che si preoccupa di tenere traccia di tutti i file, te li presenta con le loro icone ben identificabili, li archivia; è il Finder che usa le finestre e ti mostra la Scrivania. È lui che monta sulla Scrivania i dischi rigidi esterni o interni, o le chiavette Usb. Il Finder è una specie di factotum, esatto.

il finder di mojave

Adesso che sappiamo che cos’è il Finder, possiamo andare a scoprire che cosa c’è di nuovo in questa app così essenziale per il rapporto tra noi, e il Mac.

Il Finder e il tasto verde

La finestra del Finder, nell’angolo in alto a sinistra, presenta 3 pulsanti.
Uno, quello rosso, per chiudere la finestra (ma non l’applicazione).
L’altro, il giallo, per spedirla nel Dock.
Il terzo, quello verde, attiva la modalità a tutto schermo. Questo comportamento, naturalmente, non riguarda solo la finestra del Finder, ma tutte le applicazioni del sistema operativo.

Con macOS Catalina però abbiamo una novità.

Se tu sposti infatti il mouse sul pulsante verde, adesso appariranno delle opzioni.

opzioni pulsante verde

Tre voci quindi: Attiva modalità a tutto schermo non ha bisogno di molte spiegazioni. O selezioni questa voce (per attivare la modalità a tutto schermo); oppure clicchi (esattamente come facevi prima), il pulsante verde.

La seconda invece dice: “Sposta la finestra sulla metà sinistra dello schermo” (oppure: sulla destra).
Queste voci spostano la finestra dell’applicazione corrente o a destra, o a sinistra dello schermo, in modo da attivare la modalità Split View. Questa non è una novità, ma è nuovo il modo per attivarla. Grazie alla modalità “Split View” puoi affiancare due documenti identici, oppure due applicazioni differenti sullo schermo, e lavorare meglio.

Non finisce qui.
Perché se premi il tasto Opzione sulla tastiera del tuo Mac e sposti di nuovo il mouse sul pulsante verde, le voci cambiano un poco.

In questo caso infatti avremo: “Ridimensiona”. Non c’è da spiegare che cosa combini questa voce.
Poi avremo “Sposta finestra sul lato sinistro dello schermo” (oppure: sul lato destro). Come puoi capire, questi sono comandi che spostano la finestra in una precisa area dello schermo del tuo Mac.

Il Finder e il backup dell’iPhone (e dell’iPad)

Sino a Mojave, l’applicazione iTunes serviva anche per effettuare sul Mac (ma anche su iCloud) il backup del proprio iPhone o iPad; e per effettuare la sincronizzazione di determinati file.
Ma macOS Catalina cambia un po’ di cose.

Come abbiamo già indicato in precedenza, iTunes è stato pensionato, e adesso abbiamo l’applicazione Musica (che si occupa di… Musica). Poi l’applicazione Podcast per questo tipo di file e infine l’applicazione TV.

Ma adesso, come si fa il backup sul Mac dei propri dispositivi? In realtà Apple ha solo semplificato queste procedure. Perché adesso i dispositivi appariranno nella barra laterale del Finder.

Per prima cosa collega il tuo dispositivo al Mac, poi clicca sull’icona del Finder nel Dock.

iphone nella barra del finder

Il dispositivo sarà lì. Adesso lo devi selezionare e la finestra del Finder mostrerà una richiesta: devi autorizzare il tuo iPhone.

autorizza iphone

Sul tuo dispositivo dovrai digitare il codice di sblocco e a questo punto nel centro della finestra appariranno delle voci che hai già imparato a conoscere.

Schermata 2019-09-12 alle 08.47.28

Perchè si tratta (quasi), della vecchia interfaccia di iTunes.
In alto, ma sotto le informazioni relative al dispositivo collegato, è presente una barra con diversi pannelli.
Generali; Musica; Film; Programmi TV; Podcast; Audiolibri; Libri; Foto; File; Info.
Un clic su uno di essi e potrai vedere nel dettaglio che cosa contengono. Ma a noi, in questo momento, interessa “Generali” perché è lì che troviamo quello che ci interessa.

Per esempio qui sono presenti i comandi per il ripristino del dispositivo e della verifica degli aggiornamenti.

Sotto questa sezione, ecco quella che si occupa invece del backup; con una novità, perché adesso puoi scegliere se effettuare il backup dei dati più importanti dell’iPhone su iCloud.
Oppure di tutti i dati ma su Mac (se hai poco spazio sulla nuvola di Apple, magari preferirai la prima opzione; in caso contrario puoi optare per la seconda perché probabilmente il tuo disco di avvio è sufficientemente spazioso).

Come sempre, puoi proteggere (codificare) il backup sul Mac con una password.
Dopo che hai fatto le tue scelte, devi solo premere “Sincronizza”.

La modalità scura

La Modalità scura su Mac non è una novità, ma anche in questo caso Apple ha fatto qualche piccolo cambiamento.
Lancia le Preferenze di Sistema e vai nel pannello “Generali”. In alto vedrai adesso 3 voci (in Mojave erano 2): Chiaro; Scuro; Auto.

modalità scura

Se selezioni “Auto” potrai “automaticamente” passare dall’aspetto Chiaro a quello Scuro, in base all’ora del giorno. Questo ha effetto sui pulsanti, il menu e le finestre del Mac.

Se adesso ci spostiamo nell’altro pannello, quello “Scrivania e salvaschermo”, non troviamo grosse novità in apparenza; ed è proprio così.
C’è solo da segnalare che l’immagine predefinita di macOS Catalina, quella che raffigura l’isola di Catalina di fronte alla costa californiana, ha un menu a discesa, e dentro 3 voci.

scrivania e salvaschermo

Pure in questo caso abbiamo: Automatico; Chiaro (statico); Scuro (statico). Esatto: fa esattamente quello che pensi. Se imposti “Automatico” passerai dall’aspetto chiaro a quello scuro in base al trascorrere delle ore della giornata.

Leggi ora l’articolo: macOS Catalina e Safari.

Vendere-mac-428_120

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *